fbpx

I MIEI CONSIGLI PERSONALI SU COME SCATTARE FOTO

2 Maggio 2019

Ho iniziato a scattare foto con una fotocamera reflex circa 10-11 anni fa. Se ci pensate sono pochi anni fa. Basti pensare che il giorno in cui è nato mio figlio, il primo, avevo l’unica scarsa macchina fotografica in mio possesso, rotta e quindi non ho foto decenti, se non qualcuna sfocata, del giorno più importante della mia vita. Non ho mai fatto un corso di fotografia vero e proprio anche se ho letto tanto, per anni, sull’argomento. E poi ho sempre osservato e praticato quasi ogni giorno, ogni volta che potevo, perché fotografare è stata, e rimane sempre, una delle cose che mi diverte di più fare. Mi piace ricreare certe scene e spostare le cose finché non vedo nell’obbiettivo quello che avevo in mente.

Quindi non è mia intenzione insegnare o dirvi come dovete fare fotografie. Ci sono infiniti tutorial sul web riguardo a questi argomenti tecnici. Posso però dirvi come faccio io, quali sono le cose che di solito prendo in considerazione e darvi alcuni consigli, che probabilmente già conoscerete, ma almeno vi farà capire il lato divertente e umano di questo lavoro.

FOTOCAMERA

Io uso una fotocamera mirrorless, una Fujifilm X-T1 con obiettivo fisso 35 mm 1.4. Ho scelto un obiettivo fisso perché molto più luminoso di uno con zoom e in questo modo riesco a scattare anche in condizioni di scarsa luminosità senza bisogno del cavalletto. Quando sono in casa e devo scattare velocemente se devo montare il cavalletto spesso perdo l’attimo o mi passa la voglia, quindi alla fine lo uso solo se ho bisogno di un autoscatto o per gli scatti di lavoro più impegnativi. Devo sempre avere la macchina fotografica a portata di mano e quindi la lascio sul mobile della sala, la stanza che frequento di più.

MANTENERE IN ORDINE LA FOTOCAMERA

Visto che devo averla sempre pronta cerco di averla spesso anche pulita e in ordine. Pulisco le lenti ogni volta che la metto via, cambio il filtro protettivo davanti all’obbiettivo quando è troppo rigato e naturalmente batteria di scorta sempre carica e pronta da sostituire.

LUCE

La luce è la chiave di tutto ed quello che fa la differenza, secondo me. Io scatto sempre alla luce naturale del giorno, non mi piace l’effetto del flash nelle foto. Ma allo stesso tempo evito la luce solare diretta perché non mi piacciono le ombre dure e il contrasto eccessivo. Se sono in casa schermo con una tenda o un pannello, mentre se sono all’aperto preferisco scattare in zone d’ombra dove le tonalità sono più morbide. Per me è una giornata perfetta quando è nuvoloso! Non mi piace l’azzurro piatto del cielo e faccio di tutto per evitarlo.

LINEE DIRITTE

Avere le linee diritte nella foto cambia la visione della foto stessa. Quando edito un immagine è la prima cosa che faccio: drizzare l’orizzonte e le prospettive. Può aiutare mantenere la fotocamera parallela al pavimento se si scatta dall’alto e anche inserire la griglia nelle opzioni della fotocamera.

OSSERVARE MOLTO E PRENDERE ISPIRAZIONE DA CIÒ CHE SI HA INTORNO

Amo gli ambienti minimalisti, il legno chiaro e i mobili che hanno una storia e diciamo che questi sono i punti fermi delle mie foto. Non sempre però trovo tutti questi elementi. Quando sono a casa è più facile, ho imparato a dosare insieme a questi le cose naturali e le essenze delle stagioni che viviamo. Faccio scorta di rametti, pigne, erbe selvatiche che trovo durante le passeggiate, che possono sempre andare bene inseriti in un’ambientazione. Quando, invece, arrivo in un posto che non conosco per prima cosa osservo, osservo molto e cerco di capire quali sono i punti di forza di quel luogo, dove è più illuminato, come gira la luce e sopratutto qual’è il punto dove ci sono meno cose. Cado sempre lì.

LESS IS MORE

Quando preparo lo styling di un prodotto cerco di mettere insieme tutto quello che può abbinarsi come colore, forme o stagionalità. Ho imparato negli anni quanto può essere importante ogni più piccolo dettaglio (l’inclinazione di un libro o da che parte è girato il manico della tazza, per esempio). Poi osservo il tutto da diverse angolazioni e incomincio a togliere cose. Tolgo sempre qualcosa prima di scattare perché alla fine “poco è meglio”. Dopo lo scatto riguardo bene la foto, sistemo le cose che non mi convincono, gli oggetti che si sovrappongono che non avevo notato prima. Rifaccio lo scatto e ripeto. Di solito faccio questa operazione per molte volte prima che lo scatto mi convinca al 100%.

STILE PERSONALE

Come ultima cosa, ma non meno importante. Cerca di trovare un tuo stile personale. Qualcosa che faccia capire sempre, a prima vista, che quella foto è tua. Non è facile, sopratutto adesso che siamo bombardati costantemente da immagini. Canali come Instagram o Pinterest ci offrono ispirazione quotidiana su molti argomenti e trovo che questo sia molto bello e utile ma bisogna fare attenzione a non superare quella linea sottile che c’è tra l’ispirarsi e il copiare. Prendi spunto ma aggiungi qualcosa di tuo e vedrai che la soddisfazione personale alla fine ricompenserà lo sforzo.

USO SEMPRE:

Macchina fotografica mirrorless Fujifilm XT3

Obiettivo Fujinon 35mm F1.4

Treppiede Manfrotto con testa a 3 vie

2 Comments

  • Barbara Beltrami 3 Maggio 2019 at 2:44 PM

    Grazie Federica! Descrizione più chiara e semplice non potevi dare.

    • Rikaformica 1 Luglio 2019 at 8:30 AM

      Grazie Barbara! Sono contenta ti sia stato utile.

    Leave a Reply

    ×